Mai più

By Luglio 11, 2017Poesie

Mai più

Scorri per leggere

Farò che non s’avveri la notizia,
che non s’avverta vera la certezza
del piangere per procacciar carezze
rubandosi l’affetto per pigrizia

e non concederò altri indugi al pianto:
io soprassiedo sulla sua crudele
coltura di lacrime severe,
di nostalgia, di noia e disincanto.

Pareggerò la vita al passo mio
a costo d’investirla di scommesse:
mai più promesse pavide e sommesse,
mai più preghiere al cielo, mai più dio.

Ma basterò a me stesso (per adesso)
almeno per un attimo preciso
che per sorteggio sia da me deciso
e non per mano altrui a me concesso.

Perché mi sia permesso dirmi vivo
e non passivamente dirmi stante
riempiendo di presente il tempo avanti:
voglio un avvenir definitivo

e non corrivamente di soccorso
al ricorso del tempo che rincorro
se tu sei solo un pallido ricordo,
labile graffio, umido sorso

d’acqua bollente sul mio palato,
accanto a me soltanto per inerzia:
sarà la tua presenza una facezia
nel gioco dall’intrico complicato

di stare fermi in corsa – sempre e sempre.

Andrew Marini

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi